Da domenica in funzione l’autovelox sull’Aurelia

PIETRASANTA - Il Comune chiede ufficialmente all'Anas di adeguare a 60 km/h il limite di velocità nel tratto della via Aurelia tra il km 362 ed il km 366 e sulla direttiva mare-monti (Sud-Nord) dove da domenica 23 settembre, dalle ore 12.00, entrerà in funzione l'autovelox fisso.

-

Il tratto in questione è di proprietà dell’Anas. Secondo l’amministrazione comunale di Pietrasanta il limite “è eccessivamente rigoroso anche rispetto alle esigenze di tutela della sicurezza della circolazione”. Per questo è stato chiesto ad Anas “di adeguare l’attuale limite portandolo a 60km/h dagli attuali 50km/h nel tratto che va dalla rotatoria di via Unità d’Italia fino a via Pontenuovo”. “In attesa di una risposta alla nostra richiesta da parte di Anas – spiega Andrea Cosci, Assessore alla Polizia Municipale – il limite resta 50 km/h. In quel tratto, dall’analisi effettuata in questi due mesi, abbiamo rilevato la propensione a correre da parte di auto e motocicli. Secondo i dati più della metà dei veicoli percorrono questo tratto ad una velocità compresa tra i 70 km/h fino a 130 km/h quindi già ampiamente fuori anche nel caso di limite a 70 km/h. I rilevatori di velocità devono essere un deterrente a questi comportamenti che mettono a rischio la sicurezza di tutti”.

Terminata quindi la fase di collaudo, l’autovelox era stato proposto da Anas dopo la sequenza di incidenti causata dalla forte velocità e della presenza di strade secondarie che si immettono lungo la via Aurelia. Quei 4 chilometri della via Aurelia tra il km 362 ed il km 366 hanno causato in cinque anni 40 incidenti, la metà con feriti gravi. 22 – di cui 12 con feriti gravi, 8 all’intersezione con via Pontenuovo – nel solo periodo che va dal gennaio 2012 al febbraio 2015 quando il limite di velocità era 70 km/h. Troppi anche per un’arteria trafficatissima come l’Aurelia dove ogni giorno circolano migliaia di mezzi. Troppi per quel tratto maledetto dove piccole stradine si ricongiungono con l’Aurelia.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.