E’ una Lucchese al gran completo; il Pisa è in crisi e cade anche a Siena

CALCIO C - Prosegue intensa e dettagliata la preparazione della Lucchese in vista dell'atteso derby di domenica prossima al Porta Elisa contro il Pisa. Quella contro i nerazzurri pisani è la gara più attesa dell'anno e senza alcun dubbio la più importante anche per la tifoseria che non a caso si sta organizzando per offrire un bel colpo d'occhio. Già venduti oltre mille biglietti.

-

Detto che Gabbia, il giovane e forte difensore centrale di scuola Milan, è recuperato e che lo stesso Mauri nonostante qualche acciacco sarà regolar,ante al suo posto nel ruolo di frangiflutti davanti alla difesa; se ne può arguire che Favarin ha la rosa al gran completo e questa è già una gran bella notizia. Solo l’imbarazzo della scelta per il 59enne tecnico di Marina di Pisa che però le sue scelte le ha già fatte. Salvo imprevisti giocheranno infatti i titolarissimi, da capire invece (e qui qualche dubbio forse Favarin lo conserva) se schierare la squadra con il 4-3-3 oppure mettersi a specchio con il Pisa e rispolverare il 3-5-2. Personalmente optiamo per la prima ipotesi. Perchè cambiare quando la squadra ha dimostrato di aver metabolizzato al meglio il primo schema di gioco ?

Intanto il Pisa è sceso in campo per un recupero mercoledì sera al Franchi di Siena. Dopo avere perduto ad Entella i nerazzurri hanno incamerato un’altra sconfitta che li allontana dal vertice della classifica ma che soprattutto conferma le oggettive difficoltà della squadra di D’Angelo. Il match si decide in avvio di ripresa con Gliozzi che elude la marcatura di Izzillo e sugli sviluppi di un angolo calciato dal solito Aramu trafigge Gori di testa staccando tutto solo e portando in vantaggio la Robur. Le uniche occasioni degne di nota per il Pisa sono un tiro di Di Quinzio alla mezz’ora della ripresa e un colpo sotto misura di De Vitis in pieno recupero. Troppo poco per meritare almeno il pareggio. A Lucca arriverà un Pisa ferito ma non per questo meno temibile. E poi è pur sempre un derby, anzi il derby.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.