La lotta all’inquinamento parte dai corsi d’acqua

CAPANNORI - Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord, Ascit, amministrazione comunale e 16 associazioni del territorio hanno firmato un protocollo d’intesa per combattere gli incivili che utilizzano i corsi d’acqua come discarica contribuendo a far si che le plastiche finiscano in mare.

-

 

La lotta alla plastica in mare comincia dai fiumi: mantenerli puliti è il primo passo, per salvare le tartarughe marine e il Mediterraneo, fornendo anche un contributo alla lotta contro i cambiamenti climatici. Partendo da questo concetto nella sala consiliare di Capannori, il Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord, l’Amministrazione comunale, Ascit e 16 associazioni del territorio hanno firmato un protocollo d’intesa lanciando una iniziativa pilota, inedita per il nostro Paese, nata per combattere gli incivili che utilizzano i corsi d’acqua come discarica contribuendo a far si che le plastiche finiscano in mare.
Una scelta importante che arriva proprio all’indomani delle manifestazioni mondiali di sensibilizzazione sul clima.
A siglare l’accordo erano presenti il presidente del Consorzio Ismaele Ridolfi, il sindaco Luca Menesini e l’assessore all’ambiente Matteo Francesconi, e il presidente di Ascit Maurizio Gatti.
Grazie alla convenzione le associazioni perlustreranno ogni trenta giorni i corsi d’acqua adottati in stretta collaborazione con Consorzio, Ascit e Comune. Le associazioni coinvolte sono invece: Donatori di Massa Macinaia (che si prenderanno cura dei rii Monsagrati, San Leonardo e Rio di Massa; Donatori di San Ginese di Compito e Colognora (Fossa del campo sportivo di San Ginese e Fossa 9); Donatori di Paganico (Rio Frizzone, Rio Alpino e Fossa di Paganico); Associazione La Vallinella e i Donatori di Colle di Compito (La Visona); Associazione Il presepe vivente di Ruota (Visona di Ruota e Castelvecchio di Compito); Associazione Il faro (Fossa Parezzana); Donatori di Pieve San Paolo (Rio Ozzoretto e Canaletta Malfatti); Gruppo volontari Antincendio (Rio Coselli e il Rio Vorno); Associazione ANPANA (Rio Fraga); Associazione nazionale Carabinieri (FossaNuova); Comitato di Zone (Rio Casale e il Rio Ampollora); Associazione per San Pietro (Gamberaio e Dezza Alta); Donatori di Lunata (Ozzoretto di Lunata); Associazione Atletico Gragnano (Rio Lappato e Scioppato). Aveva già siglato la convenzione l’associazione Legambiente di Capannori e Piana lucchese.
“Ogni anno vengono riversati negli oceani 8 milioni di rifiuti plastici – ricorda il presidente del Consorzio, Ismaele Ridolfi – in questi mari si calcola che oggi ci siano 150milioni di tonnellate di plastica. Nel solo Mediterraneo, secondo le stime rese note da Legambiente, ci sono 58 rifiuti per chilometro quadrato, per il 96 per cento di plastica. In Italia, ogni 100 metri di spiaggia si trovano in media 620 rifiuti, all’80 per cento di plastica. Ecco, noi siamo convinti che la lotta alla plastica in mare inizi proprio dai fiumi: nell’ottica del principio “pensare globale, agire locale”, anche noi possiamo dare il nostro piccolo ma importante contributo, partendo da un maggior coordinamento tra tutti i soggetti che, ogni giorno, si adoperano per la sicurezza ambientale del territorio. Reputiamo molto importanti questo protocollo e queste convenzioni: che intendiamo estendere anche agli altri territori della Piana, e proporre pure alle aree del comprensorio gestite da diverse aziende dei rifiuti. E proseguiremo senza indugio, fino a quando un solo sacchetto di plastica resterà sulla sponda di uno dei nostri corsi d’acqua”.
Un progetto che permetterà una più rapida ed efficiente rimozione dei rifiuti abbandonati nei corsi d’acqua oltre che un presidio territoriale di tutti gli aspetti legati alla manutenzione degli stessi – spiega il sindaco Luca Menesini – L’aspetto caratterizzante è una stretta collaborazione con le associazioni del territorio, che ringrazio vivamente, le quali si rendono loro stesse protagoniste di un’azione positiva. L’iniziativa, inoltre, contribuisce a sviluppare una particolare attenzione ai beni comuni, tema, questo, su cui l’amministrazione comunale è impegnata da anni”.
“Troppo spesso ci troviamo di fronte alle immagini sconcertanti di ecosistemi danneggiati, di animali morti per avere ingerito la plastica o intrappolati nei cumuli di rifiuti – commenta il presidente di Ascit, Maurizio Gatti – Noi non vogliamo stare a guardare. Il protocollo d’intesa e le convenzioni firmate oggi, sono un’opportunità per contribuire a invertire la rotta. Attraverso un impegno sottoscritto da Consorzio di Bonifica, Ascit, Comune e associazioni, intercettando i rifiuti nei corsi d’acqua prima che finiscano in mare, vogliamo lanciare un segnale forte e scendere in campo con azioni concrete che, come azienda che gestisce il servizio di raccolta rifiuti sul territorio, si tradurranno nelle operazioni di smaltimento dei materiali recuperati. Tenere alta l’attenzione sul tema dell’inquinamento marino e adottare tutte le misure possibili per cercare di arginarlo, è una sfida che vogliamo accettare per il futuro del nostro pianeta”.
L’occasione di oggi è servita anche per la predisposizione di un volantino con cui si ricorda ai cittadini quali sono i soggetti da contattare per le varie segnalazioni: per i rifiuti abbandonati l’Acchiapparifiuti (messaggi Whatsapp al numero 3486001346) o il numero verde Ascit 800/942951; per i rifiuti pericolosi come amianto e cartongesso l’ufficio ambiente del Comune di Capannori tel 0583428309, ecologia@comune.capannori.lu.it; per gli aspetti idraulici come le esondazioni di corsi d’acqua il Consorzio 1 Toscana Nord (telefono 05839824, email info@cbtoscananord.it).

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.