Cala la produzione del miele d’acacia, bene quello di castagno

VALLE DEL SERCHIO - Le piogge di maggio hanno reso difficoltosa la raccolta di polline delle acacie da parte delle api,influendo anche sulla produzione di miele. Gli apicoltori però prevedono una buona annata per quanto riguarda quello di castagno.

-

Conoscere le api in modo approfondito è davvero difficile e complicato, sappiamo però con certezza che il miele da loro raccolto ha permesso di addolcire nel corso dei millenni bevande e alimenti. Nel nostro territorio una delle fioriture che maggiormente attirano questi insetti per produrre miele è quella dell’acacia, pianta divenuta quasi infestante in Valle del Serchio che anche quest’anno ha regalato una grande fioritura. Purtroppo però, le piogge di maggio, hanno reso difficoltosa l’impollinazione da parte delle api e di conseguenza la produzione di questo miele è stata particolarmente scarsa.

Migliore invece la situazione per quello che concerne le fioriture del castagno, che adesso sembrano essere particolarmente abbondanti.

Una curiosità: queste piccole palline che vediamo sotto le ali delle api sono proprio il polline di castagno che Andrea, apicoltore di Petrognano di Piazza al Serchio,riesce a raccogliere. Questo rappresenta un alimento straordinario sia per le api che per noi umani.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.