Evasione fiscale, Confcommercio Viareggio: “No all’obbligo del Pos per le piccole imprese”

VIAREGGIO - No all’obbligo esteso della moneta elettronica anche alle piccole imprese. E’ questa la posizione, di Confcommercio Viareggio riguardo alla stretta del governo sull’evasione fiscale.

-

No all’obbligo esteso della moneta elettronica anche alle piccole imprese. E’ questa la posizione di Confcommercio Viareggio riguardo alla stretta del governo sull’evasione fiscale. Il pagamento con la moneta elettronica può essere un vantaggio per le attivittà che devono gestire meno contante, per gli obblighi burocratici e per la stessa sicurezza. Ma non è questa la vera soluzione, secondo Piero Bertolani, per contrastare l’evasione fiscale. Nel frattempo il governo ha allentato la stretta su commercianti e artigiani che non hanno ancora rispettato l’obbligo del Pos, il lettore per le transazioni con bancomat e carte di credito: e scatteranno solo da luglio le multe per professionisti, artigiani e commercianti che non accettano i pagamento con il bancomat per qualsiasi importo. Rinviato di sei mesi anche il taglio del tetto all’uso del contante.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.