Addio a don Diomede, anima del Villaggio del Fanciullo

LUCCA - Lutto per la comunità lucchese. All'età di 93 anni si è spento don Diomede Caselli, che per tanti anni insieme a don Enzo Tambellini ha guidato il Villaggio del Fanciullo, sulle mura urbane di Lucca. I funerali si terranno giovedì alle 15 in Cattedrale.

-

Si è spento nel suo letto al Villaggio del Fanciullo, l’istituzione che per anni ha guidato insieme a don Enzo Tambellini. La città è in lutto per la morte di don Diomede Caselli, 93 anni, per oltre 60 anni anima della comunità fondata nel dopoguerra sul baluardo Cesare Battisti.

Don Diomede era nato nel 1926 a Camaiore ed aveva ricoperto numerosi incarichi, tra i quali curato di San Leonardo in Borghi e insegnante in alcune scuole superiori lucchesi.

Nel 1953 era diventato assistente al Villaggio, dove ha accolto e accompagnato nella crescita generazioni e generazioni di ragazzi provenienti da situazioni familiari difficili, di povertà e abbandono.

“Salutiamo un grande prete lucchese, che si è speso per i giovani, a partire dai più bisognosi di aiuto”, ha detto l’arcivescovo Giulietti, augurandosi che siano in molti, preti e laici, a raccogliere il testimone di don Diomede,.

Tra i primi ad esprimere cordoglio per la morte di don Diomede, il consigliere regionale Stefano Baccelli, il presidente della Provincia Luca Menesini ed il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini.

I funerali saranno presieduti dall’arcivescovo in Cattedrale, giovedì 12 dicembre alle ore 15.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.