Accordo per vendere in Lucchesìa le scarpe dei calzaturifici della Piana

CAPANNORI - Parte da Capannori la calzatura a chilometro zero? Sembra proprio di sì. Il primo incontro per una collaborazione fra calzaturifici e negozi della Piana ha infatti dato esito positivo: entrambe le parti sono pronte a collaborare per superare le difficoltà create dal Covid-19.

- 1

L’obiettivo dell’amministrazione Menesini è di far nascere una rete che permetta al settore calzaturiero del Capannorese di smaltire la merce rimasta in magazzino, a causa della chiusura dell’attività, attraverso i negozi di calzature della Piana e di Lucca, che avrebbero così nelle proprie vetrine dei prodotti made in Lucchesia in un momento in cui valorizzare la produzione locale è fondamentale.
Il primo incontro si è già tenuto, alla presenza del sindaco di Capannori Luca Menesini e della consigliera comunale con delega al settore calzaturiero Lia Miccichè. All’incontro hanno partecipato sette negozi, del territorio di Lucca, Capannori e Porcari e cinque calzaturifici della Piana.
Adesso i titolari dei calzaturifici lavoreranno a una proposta di catalogo delle calzature da condividere con i negozi. L’obiettivo è  valorizzare la filiera locale, in un territorio ricco di talento e di qualità come la Lucchesia.

Commenti

1


  1. Lodevole iniziativa. Complimenti al Sindaco e alla Delegata alle attività produttive. Questo è un bel gesto e dimostra un fattivo interesse per i problemi delle aziende calzaturiere della zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.