Viale dei Tigli chiuso al traffico fino a settembre

VIAREGGIO - Chiuso al traffico il viale dei Tigli: visto l’esito positivo della sperimentazione dello stop alle auto nel fine settimana, l’Amministrazione Del Ghingaro ha deciso di prorogare il provvedimento fino alla fine di settembre.

- 3

Chiuso al traffico il viale dei Tigli: visto l’esito positivo della sperimentazione dello stop alle auto nel fine settimana, l’Amministrazione Del Ghingaro ha deciso di prorogare il provvedimento fino alla fine di settembre.

«I cittadini hanno apprezzato l’iniziativa, abbiamo visto il viale prendere vita a tutte le ore. Ciclisti, sportivi, famiglie intere, hanno animato tutto il tratto che unisce Viareggio a Torre del lago. Il viale dei Tigli è talmente bello che non poteva rimanere una semplice via di collegamento» commenta il sindaco Giorgio Del Ghingaro.

Nel dettaglio, il viale sarà chiuso alle auto nel periodo compreso tra il 29 maggio e il 20 settembre 2020, dalle 7.30 del venerdì alle 7.30 del lunedì, e in tutti gli altri giorni festivi e prefestivi. Il tratto chiuso va da via Corridoni al viale Kennedy a Torre del Lago.

«Viareggio ha riscoperto un luogo importante della sua storia – conclude Del Ghingaro – adesso è importante mantenerlo pulito: trattiamo quest’oasi di tranquillità con tutto il rispetto che merita».

Il viale resta accessibile ai residenti che per entrare nelle proprie abitazioni devono passare dal viale stesso. Potranno accedervi anche quanti devono raggiungere le attività economiche che non hanno entrate esterne al viale. In questi specifici casi l’accesso deve avvenire a passo d’uomo, senza creare pericolo per pedoni e ciclisti, dalla strada o dalla traversa più prossima alla sede dell’attività.

Commenti

3


  1. La chiusura del viale dei tigli è antidemocratica perché lede il diritto dei cittadini residenti e di tutti coloro che arrivano da fuori città di poter accedere alla spiaggia della Lecciona. Di fatto rende impossibile arrivare con l’auto e parcheggiare per poi raggiungere la spiaggia. L’alternativa della bicicletta non è di facile utilizzo. Arrivare con ombrellone, telo è tutto l’occorrente non è cosa agevole e poi tale alternativa può essere presa in considerazione solo da coloro che abitano vicino. Auspico che tale decisione sia riconsiderata alla luce delle esigenze di coloro che non possono e/o non vogliono recarsi presso gli stabilimenti Personalmente ritengo che la scelta aia stata fatta non tanto per un ideale ambientalista, si ricorderà che tempo fa aveva ventilato l’idea di asfaltare il viale che porta dalla darsena a torre del lago…a dir poco un ossimoro rispetto all’idea blindo tutto. Sarebbe stato meglio avesse ammesso che la decisione è stata presa per evitare diplomaticamente il problema controllo spiaggia libera in tempo di Covid 19. Così agendo ha glissato ed ha ottenuto il risultato senza sforzi economici e soprattutto si è semplicemente tolto il pensiero tout court.


    • Sembrerebbe un assist alla lobby dei parcheggiatori visto che siamo costretti ad usare parcheggi a pagamento (fino a 10 euro) invece che parcheggiare gratis su un lato del viale. Inoltre i parcheggi esistenti sono insufficienti specialmente nel w.e.


  2. È chiaramente un favore a parcheggiatori e gestori degli stabilimenti balneari, a scapito dei poveracci che non possono permettersi altro che una spiaggia libera Non ho altro da dire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.