Viale dei Tigli chiuso al traffico fino a settembre

VIAREGGIO - Chiuso al traffico il viale dei Tigli: visto l’esito positivo della sperimentazione dello stop alle auto nel fine settimana, l’Amministrazione Del Ghingaro ha deciso di prorogare il provvedimento fino alla fine di settembre.

- 9

Chiuso al traffico il viale dei Tigli: visto l’esito positivo della sperimentazione dello stop alle auto nel fine settimana, l’Amministrazione Del Ghingaro ha deciso di prorogare il provvedimento fino alla fine di settembre.

«I cittadini hanno apprezzato l’iniziativa, abbiamo visto il viale prendere vita a tutte le ore. Ciclisti, sportivi, famiglie intere, hanno animato tutto il tratto che unisce Viareggio a Torre del lago. Il viale dei Tigli è talmente bello che non poteva rimanere una semplice via di collegamento» commenta il sindaco Giorgio Del Ghingaro.

Nel dettaglio, il viale sarà chiuso alle auto nel periodo compreso tra il 29 maggio e il 20 settembre 2020, dalle 7.30 del venerdì alle 7.30 del lunedì, e in tutti gli altri giorni festivi e prefestivi. Il tratto chiuso va da via Corridoni al viale Kennedy a Torre del Lago.

«Viareggio ha riscoperto un luogo importante della sua storia – conclude Del Ghingaro – adesso è importante mantenerlo pulito: trattiamo quest’oasi di tranquillità con tutto il rispetto che merita».

Il viale resta accessibile ai residenti che per entrare nelle proprie abitazioni devono passare dal viale stesso. Potranno accedervi anche quanti devono raggiungere le attività economiche che non hanno entrate esterne al viale. In questi specifici casi l’accesso deve avvenire a passo d’uomo, senza creare pericolo per pedoni e ciclisti, dalla strada o dalla traversa più prossima alla sede dell’attività.

Commenti

9


  1. La chiusura del viale dei tigli è antidemocratica perché lede il diritto dei cittadini residenti e di tutti coloro che arrivano da fuori città di poter accedere alla spiaggia della Lecciona. Di fatto rende impossibile arrivare con l’auto e parcheggiare per poi raggiungere la spiaggia. L’alternativa della bicicletta non è di facile utilizzo. Arrivare con ombrellone, telo è tutto l’occorrente non è cosa agevole e poi tale alternativa può essere presa in considerazione solo da coloro che abitano vicino. Auspico che tale decisione sia riconsiderata alla luce delle esigenze di coloro che non possono e/o non vogliono recarsi presso gli stabilimenti Personalmente ritengo che la scelta aia stata fatta non tanto per un ideale ambientalista, si ricorderà che tempo fa aveva ventilato l’idea di asfaltare il viale che porta dalla darsena a torre del lago…a dir poco un ossimoro rispetto all’idea blindo tutto. Sarebbe stato meglio avesse ammesso che la decisione è stata presa per evitare diplomaticamente il problema controllo spiaggia libera in tempo di Covid 19. Così agendo ha glissato ed ha ottenuto il risultato senza sforzi economici e soprattutto si è semplicemente tolto il pensiero tout court.


    • Sembrerebbe un assist alla lobby dei parcheggiatori visto che siamo costretti ad usare parcheggi a pagamento (fino a 10 euro) invece che parcheggiare gratis su un lato del viale. Inoltre i parcheggi esistenti sono insufficienti specialmente nel w.e.


  2. È chiaramente un favore a parcheggiatori e gestori degli stabilimenti balneari, a scapito dei poveracci che non possono permettersi altro che una spiaggia libera Non ho altro da dire.


    • …parcheggiatori che hanno raddoppiato i prezzi e il tutto al NERO!!! Bravo sindaco bravo!!! E comunque quando si chiude una strada si espine cartello con delibera e motivazione!!

  3. roberto la valle


    Ieri ero a Torre del Lago e non ho potuto parcheggiare comodamente in viale dei tigli ma fare coda, girare lungamente prima di trovare un posto auto libero, traffico congestionato a Torre del Lago a causa della chiusura, pagare a caro prezzo un posto auto al sole…esperienza apocalittica!! perchè? perchè il sindaco non si preoccupa invece dei parcheggiatori abusivi che non lasciano nemmeno una ricevuta fiscale..? fa solo demagogia!! perchè non si occupa del degrado del lungomare di Torre del Lago, con catapecchie carbonizzate che da anni sono li a deturpare il paesaggio, e inoltre dovrebbe fare un giretto anche nelle periferie di Viareggio indegne di una città turistica… Inoltre … i tigli… alberi del nord europa, che cosa c’entrano con la vegetazione mediterranea? Perchè non realizza anche il viale degli abeti???


  4. …….Il 20 e 21 Settembre ci saranno le elezioni……un motivo in più per pensarci!!
    anche se la vedo dura.
    Viareggio non si vuole liberare dal votare a sinistra.
    Quella sinistra che, con le politiche assistenzialiste, solidali, di accoglienza, fondamentalmente “comuniste” .
    Si è guardato a chi arrivava da fuori …e i viareggini?
    Una volta passeggiavi per il ” piazzone”, lungo via Battisti, Via Garibaldi, in passeggiata, nel cuore economico e commerciale della città ed era viva. Adesso? giudicate voi.
    Cantieristica che, oggi è diventata lo spettro di quell’anima pulsante di un tempo.
    Attività produttive e commerciali che chiudono……e non venite a dire che è SOLO! conseguenza della crisi generale.
    Supermercati che si trovano in difficoltà al punto di pensare di chiudere o drasticamente, ridimensionarsi.
    Frutto di gestione della città che ha bisogno d’altro.
    Intanto si pensa solamente al solito burlamacco e ondina, ai coriandoli edval carnevale che, indubbiamente è un valore della città ma Viareggio ha ben altro da proporre ed offrire.
    L’impronta di una gestione provincialista della città che vorremmo abbandonasse la mentalità viareggina a favore di una immagine e modello di promozione più “comprensiva” da parte del “potenziale cliente.
    Lo spettacolo al piazzone della presentazione del manifesto del carnevale 2021, in agosto- (non diamo la colpa al covid 19)- ha espresso il sapore di una vera sagra paesana.
    La premiazione con le musiche di carnevale, in agosto, non ha avuto nessun stimolo emotivo.
    Viareggio non è solo carnevale e coriandoli è molto di più.
    Ci vogliono manager di gestione promozionale della città e delle sue potenzialità, professionisti e capaci e, aspetto importantissimo, svincolati dalla politica e dai partiti.
    È una scelta obbligata, se vogliamo rilanciare la città, altrimenti continuiamo a “vendere” triccheballacche, coriandoli, coppa di sciampagna e null’altro.
    hanno portato la città in queste condizioni.


  5. Ho risolto il problema. Quest’anno non sono andato a Torre del Lago ma ho trovato lidi migliori e decisamente più economicamente accessibili. Tanto la Versilia oramai è un luogo di degrado da anni!


  6. Solo in italia i sindaci sono padroni, podestà e sceriffi. Vergogna


  7. Il problema non sono i sindaci sceriffi, gentile Maurizio.
    IL TERRIBILE PROBLEMA È DATO DAI VIAREGGINI ELETTORI VHE VOTANO SEMPRE DALLA STESSA PARTE.
    Viareggio ha bisogno di un cambiamento politico allla “casa del popolo” ehm……in Comune

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.