Troiso lascia Del Ghingaro: “Con un centrodestra civico o corro da solo”

VIAREGGIO - Mentre si fa concreta la data del 20 e 21 settembre per il ritorno alle urne, si infiamma la campagna elettorale di Viareggio. Il consigliere comunale Luigi Troiso ha ufficializzato il suo addio alla maggioranza di Del Ghingaro: da oggi siederà nel Gruppo misto e non sosterrà il sindaco nella corsa al secondo mandato.

- 1

Uno strappo ormai insanabile, provocato soprattutto dal sempre più probabile accordo elettorale tra il primo cittadino e il Pd, commissariato. Il consigliere – che da cinque anni ha la delega pesante a Torre del Lago e ai rapporti col Parco – aveva chiesto un azzeramento della coalizione per ricostruire insieme l’alleanza col Pd. Nessuna risposta a questa richiesta. L’ultima goccia l’endorsment del vice sindaco Alberici all’ex Forza Italia Athos Pastechi, eletto come riferimento politico dell’amministrazione per Torre del Lago. Per Troiso una sfiducia al suo operato.

Una spaccatura alla vigilia del voto destinata a pesare sulle prossime elezioni, il cui esito ancora una volta potrebbe dipendere dal voto dei quasi 8mila elettori torrelaghesi, spesso decisivi nelle urne. Troiso guarda oltre adesso e lavora alla lista Civicamente, mancano solo due nomi. Non esclude di sostenere un candidato civico del centrodestra oppure di correre da solo.

Commenti

1

  1. montanini riccardo


    il Sindaco Del Ghingaro ha dato a Troiso una grande opportunità in questi anni rendendolo da sconosciuto a famoso, mi sembra scontato. Non è però altrettanto chiaro se Troiso ha traghettato nell’amministrazione del Ghingaro la popolarità delle cose realizzate o seppure ha giocato ad accreditarsi ogni cosa. Il dato emerge dalla impopolarità del Sindaco sul territorio. La prima impressione è che dalla sua maggioranza nessuno escluso ognuno ha cercato di appropriarsi dei risultati lasciandolo poi solo sulle questioni culturali e sociali. Quindi oggi alla luce dei fatti il Sindaco sostenuto dal PD apre uno scenario diverso, perché oggi finalmente accentra e consolida la continuità e si appropria di un alleato management affidabile per migliorare il suo lavoro al servizio dei cittadini. Troiso deve fare buon uso del dono ricevuto, senza perdersi in commenti e pettegolezzi con soggetti che esprimono altri partiti e concentrarsi sulle persone con le quali ha intrattenuto rapporti quinquennali. Altrimenti la conclusione lo troverebbe cagionevole nello stabilire a consolidare rapporti con colleghi di maggioranza essendo lui l’unico ad eccepire la nuova coalizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.