2 luglio 1940, 80 anni fa la tragedia “dimenticata” dell’Arandora Star

LUCCA - Una tragedia della Seconda Guerra Mondiale dimenticata per troppo tempo ma poi riportata alla luce in tutta la sua drammaticità. A 80 anni di distanza si ricorda l'affondamento dell'Arandora Star che causò 800 morti.. Nel 2004 Noi Tv realizzò un docu-film su uno dei fatti più cruenti di quel terribile conflitto.

-

 

Era il 2 luglio 1940, esattamente 80 anni fa, e da poco meno di un mese l’Italia era entrata in guerra con la dichiarazione di Mussolini del 10 giugno. A bordo dell’Arandora Star, nave da crociera di lusso trasformata in imbarcazione per deportati diretti verso il Canada, furono ammassati 1200 prigionieri civili, fra cui 712 emigrati italiani. Dopo essere stata colpita da un siluro lanciato da un sottomarino tedesco, l’Arandora Star affondò in meno di 40′: gli uomini che persero la vita furono più di 800 e fra questi 446 erano italiani, in larga parte originari delle zone più povere dell’Appennino, in particolare anche dalla nostra lucchesia e dal parmense, arrestati dopo la dichiarazione di
guerra suddetta del Duce.

Come dicevamo sono trascorsi 80 anni e per molto (troppo) tempo questa drammatica vicenda era finita nell’oblìo generale e nel dimenticatoio della storia, come tante altre. La Fondazione Paolo Cresci partecipa agli eventi commemorativi che prevedono interventi di esperti, presentazione di ristampa di libri dedicati all’evento e anche la proiezione a Lucca e a Barga del docufilm “Arandora Star la tragedia dimenticata” prodotto nel 2004 dalla stessa Fondazione Cresci e realizzato dalla nostra emittente con la regia di Paolo Bertola e la voce narrante di Eros Pagni. sulla base delle ricerche e le video-interviste effettuate della studiosa fiorentina Maria Serena Balestracci.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.