Spaccio di cocaina: dopo nove anni arriva la condanna, senza imputato

VERSILIA - Nove anni fa venne bloccato e arrestato dalla polizia per droga ma solo oggi il processo penale è arrivato a sentenza. Un trentenne marocchino, Ayoub Chaoub è stato condannato a 4 anni, un mese di reclusione e 19 mila euro di multa.

-

Nove anni fa venne bloccato e arrestato dalla polizia per droga ma solo oggi il processo penale è arrivato a sentenza. Un trentenne marocchino, Ayoub Chaoub è stato condannato a 4 anni , un mese di reclusione e 19 mila euro di multa. Detenzione e sanzione però restano sulla carta. Perché l’imputato non si è presentato in aula e risulta irreperibile. Il malvivente, all’epoca dei fatto 21 enne, venne bloccato dagli agenti del commissariato di Viareggio per aver nascosto ai piedi di un albero in via Primo Maggio a Lido di Camaiore, un sacchetto di cellophan con all’itnerno 15 palline di cocaina. Lo stupefacente venne sequestrato e il giovane finì in manette con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio . Gli agenti in borghese, che, sospettando un’attività illecita, lo pedinavano, lo videro avviarsi in bicicletta fino all’albero per nascondere la droga e gli sequestrarono 3 cellulari e 350 euro in contanti. Dopo una serie di rinvii causati anche dal cambio del giudice – da Giuseppe Grotteria a Michela Boi – solo ieri la condanna è diventata definitiva, ma del condannato si sono perse le tracce.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.