La serie D ricomincia da tre; protagoniste Ghiviborgo, Real Forte e Seravezza

CALCIO D - Si parte il 27 settembre. Questa è la data fissata per il campionato di serie D 2020/2021. Il ritorno della Lucchese tra i professionisti ha ridotto a tre la pattuglia delle squadre nostrane: Ghiviborgo, Real Forte e Seravezza.

-

Salvatosi grazie alla miglior differenza-reti in una complicatissima classifica avulsa il Ghiviborgo del neo presidente Alessandro Remaschi vorrebbe rischiare qualcosa di meno. Alla sesta stagione consecutiva nella A dei dilettanti il Ghivi vuole restare in categoria. Riconfermato il tecnico Rino Lavezzini la rosa è stata rimpolpata con innesti di ottimo livello: Santeramo, Cianci, Muscas, Andreotti e Poggesi classe 2002 di cui si dice un gran bene. Ma anche le conferme del portiere Pagnini e del funambolico Felleca sono indice di qualità. Importanti novità a livello societario nel Real Forte Querceta. Alessandro Mussi, già vicepresidente va a ricoprire il ruolo di amministratore delegato. Sul fronte tecnico invece colpi importanti come il portiere Adornato e l’attaccante Pegollo che formerà una coppia mica male con Ciccio Di Paola. Anche qui molte conferme del riconfermato tecnico Christian Amoroso nel contesto di una rosa solida. Si comincia martedì allo stadio Necchi-Balloni di Forte dei Marmi. Non si discosta dalle due consorelle il Seravezza che va avanti con Walter Vangioni in panchina, ormai un’istituzione da quelle parti. Il centravanti Luca Veratti dall’Union Feltre è il pezzo pregiato del mercato che ha visto approdare in verdeazzurro anche i giovani centrocampisti Belluomini e Toccafondi. Per il resto tante conferme. A cominciare da elementi del calibro di Gigio Grassi, Bortoletti e Granaiola. Ma restano alla corte di Vangioni anche i vari Maccabruni, Bedini, Bongiorno, Podestà, Nannipieri, Garofalo, Vannucci, Moussafi e Venè. Decisamente una buona intelaiatura nel segno della continuità. Una squadra che parte per un campionato tranquillo ma che può diventare la mina vagante del torneo.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.