Il ministro Ornaghi garantisce per il Pucciniano

LUCCA - Mattinata lucchese per il Ministro dei Beni Culturali, invitato in vista dei 500 anni delle Mura e per il centenario dalla morte di Giovanni Pascoli. La prossima settimana via libera alle legge che salva il Pucciniano.

-

17_11_ministro_ornaghi.jpg

Ornaghi è stato ricevuto a Palazzo Orsetti dalle massime autorità cittadine, civili e militari, e dai rappresentanti lucchesi in Parlamento. A fare gli onori di casa il sindaco Alessandro Tambellini che nel suo intervento ha voluto sottolineare il valore storico della parola Libertas per la città di Lucca. Sul contributo dello stato ai 500 anni delle mura di Lucca, il Ministro non ha voluto parlare direttamente di finanziamenti, ma non ha nemmeno escluso un sostegno.
Nel corso dell’incontro con i giornalisti c’è stato spazio per parlare anche del futuro del Festival Pucciniano, che finalmente può tirare un sospiro di sollievo grazie alla legge che sarà approvata definitivamente la prossima settimana e con cui si garantisce alla manifestazione il contributo statale di 1 milione di euro ogni anno.
Uscito da Palazzo Orsetti, Ornaghi si è diretto alla Biblioteca Statale di Lucca, uno dei principali luoghi pascoliani. E infatti le manifestazioni del centenario della morte di Giovanni Pascoli sono stati il secondo argomento della mattina trascorsa a Lucca. Il direttore Marco Paoli, il sindaco di Barga Marco Bonini e il presidente della Fondazione Pascoli Alessandro Adami hanno parlato dei numerosi eventi organizzati per celebrare il grande poeta, rimediando così all’assenza del Ministro il 6 aprile scorso, data della morte del Pascoli, quando Ornaghi non potè salire a Barga per un’improvvisa convocazione del consiglio dei ministri.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento