Lilio Giannecchini pestato e rapinato

LUCCA - Lilio Giannecchini, 87 anni, ex presidente dell'Istituto storico della Resistenza, è stato pestato e rapinato domenica sera in centro storico a Lucca. Adesso è ricoverato all'ospedale di Pisa.

-

copia_di_21_12_giannecchini.jpg

E’ ricoverato all’ospedale Cisanello di Pisa Lilio Giannecchini, 87 anni, per trent’anni direttore dell’Istituto Storico della Resistenza di Lucca,
selvaggiamente aggredito e rapinato domenica sera nel parcheggio della Casa del Clero, in via San Nicolao.
Secondo una prima ricostruzione dei fatti Giannecchini era entrato in auto nel parcheggio dell’istituto, dove viene ospitato da alcuni anni. Una volta sceso ha solo avuto il tempo di appoggiare il cappello sul cofano ed è stato aggredito da un uomo, forse un giovane, che lo ha violentemente colpito più volte al capo con un bastone. Un’aggressione feroce, come testimoniato dalle pozze di sangue rimaste sull’asfalto e dalle gocce schizzate sulla fiancata dell’altra auto. Lo sconosciuto si è poi impadronito del portafoglio di Giannecchini, nel quale era contenuto del denaro, ed è fuggito. L’ex partigiano ha avuto la forza di rialzarsi e attraversare il giardino che separa il parcheggio dalla Casa del Clero, da dove è poi scattata la richiesta di soccorsi.
Giannecchini ha perso due denti, ha riportato varie gravi ferite ed un grosso ematoma nella zona frontale ma non sarebbe in pericolo di vita. Secondo gli inquirenti si sarebbe trattato di una rapina ma le modalità e la particolare violenza usata nei confronti dell’anziano lasciano aperte tutte le piste, compresa quella di un’aggressione di stampo politico.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento