Arriva la Massese, è tempo di derby

CALCIO D - La sfida agli apuani vedrà la Lucchese priva di Lo Sicco ma col probabile recupero di Aliboni. Il neoacquisto Calcagni potrebbe debuttare anche dal primo minuto. Ma Pagliuca deciderà la formazione solo alla vigilia.

-

Lorenzo Biagini, Riccardo Calcagni e Lorenzo Spanu. Sono questi, in ordine alfabetico, i volti nuovi della Lucchese in questo gelido avvio di mercato…dicembrino. I tre sgambettano di buona lena sul campo 1 dell’Acquedotto agli ordini di un Pagliuca bello tonico anche se di lingua corta in questi ultimi giorni. Biagini arriva dal Camaiore ed è un difensore di 23 anni che va a rimpolpare il pacchetto dei centrali alle spalle dei titolarissimi Espeche e Calistri. Domenica non sarà disponibile in quanto squalificato; Lorenzo Spanu attaccante di 24 anni non è una novità poichè, al di là del tesseramento, qui all’Acquedotto è di casa ormai da tempo. E poi c’è il più giovane, ma forse anche quello di maggiore prospettiva tanto che la Lucchese lo ha ingaggiato a titolo definitivo. Parliamo del 19enne Riccardo Calcagni, mediano ma anche trequartista di scuole umbra e con esperienze a livello di nazionali giovanili. L’avventura a Lucca e alla Lucchese può essere il suo ideale trampolino di lancio. Mercato e infortuni. Fabrizio Lo Sicco starà fuori parecchio tempo e solo fra qualche giorno si saprà l’entità dell’infortunio al ginocchio destro, ma i tempi di recupero si profilano lunghi, molto lunghi. Fabio Aliboni si allena invece con un tutore che gli protegge la spalla sinsitra. Il capitano stringe i denti e conoscendone il carattere chissà che contro la Massese non sia arruolabile e presente. Già, la Massese di Tazzioli per un derby che si preannuncia avvincente e spettacolare. Dopo un periodo di crisi gli apuani sono tornati pimpanti e quindi piuttosto pericolosi. Pagliuca dovrà studiare bene tattica e formazione da opporre ai bianconeri. Ora la Correggese è a soli due punti e, considerando che domenica la capolista è di scena a Budrio sul campo del Mezzolara, l’obiettivo è quello di mantenere almeno le distanze.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento