Le reazioni del dopo confronto

CAPANNORI - Ha scatenato molte reazioni, anche contrastanti tra loro, quanto accaduto martedì sera prima e durante il confronto tra i candidati a sindaco di Capannori organizzato da NoiTv.

-

Il giorno dopo la decisione di lasciare il palco, Francesca Palazzi e il movimento Abc hanno organizzato una conferenza stampa, alla quale ha aderito anche Maria Pia Bertolucci. Alle due parti non è andata giù la decisione del Comune di limitare per motivi di sicuezza a 180 persone la capienza di Artè, lasciando fuori almeno un centinaio di cittadini. Sia la Bertolucci, che comunque era rimasta, che la Palazzi hanno portato l’esempio di quanto accaduto al concerto di Nada, quando molti spettatori sono stati in piedi. Per loro, insomma, la limitazione dei posti sarebbe stata una manovra dell’amministrazione per favorire una parte di pubblico. Abc ha dunque deciso di organizzare un incontro, giovedì alle 18, in piazza Aldo Moro, invitando candidati e cittadini.
Una lettura completamente diversa arriva dal Partito Democratico di Capannori. In un comunicato il segretario Lia Micciché ha sottolineato come si trattasse di un confronto televisivo. “Poteva essere seguito comodamente da casa – ha scritto – e chi era in sala non aveva alcun diritto in più a chi ha scelto la tv come mezzo di partecipazione; quello offerto da alcuni candidati è stato uno spettacolo indegno”.
Dello stesso tono la lista I Moderati che sostengono Menesini: “Strumentalizzare una trasmissione televisiva perché  incapaci di sostenere un confronto è ridicolo. E’ evidente che sono tutti inadeguati e che ciascuno a modo suo ha giocato carte volgari e, a tratti, violente”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento