Aliante precipitato, “fu errore umano”

CAPANNORI - La Procura di Lucca ha chiesto l'archiviazione dell'inchiesta sulla tragedia che lo scorso 10 agosto costò la vita a due persone. "Fu errore umano" dice una perizia dell'ANSV.

-

 

“Alla base della tragedia ci fu un errore umano, l’inchiesta può essere archiviata”. E’ questa la conclusione della Procura di Lucca che per 7 mesi ha indagato sull’incidente dell’aliante precipitato il 10 agosto scorso a Tassignano, in cui persero la vita l’istruttore  Leonardo Ambrogetti, 55 anni  di Firenze e l’allievo Stefano Boschi, 34 anni, di Pratovecchio.

Secondo la perizia dell’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo si trattò di un errore umano. A causa di una manovra errata l’aliante cadde in picchiata e nel tentativo di recupero l’assetto, un’ala dell’aliante fu sollecitata oltre il limite e si spezzò. Non avendo più alcuna possibilità di controllo dell’aeromobile, i due piloti avevano abbandonato l’aliante tentando, almeno uno dei due, l’apertura del paracadute personale.

Sulla base della perizia dell’Agenzia il sostituto procuratore Salvatore Giannino ha chiesto l’archiviazione dell’inchiesta in quanto non ci sarebbero responsabilità da parte di terzi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento