Lucca, arrivati altri 21 profughi

LUCCA - Arrivati in lucchesìa 21 nuovi profughi, un'altra decina arriverà nei prossimi giorni. Polemica sul possibile futuro utilizzo della Asl di Carraia per l'accoglienza.

- 1

Altri trentadue immigrati in arrivo in lucchesìa, 21 dei quali arrivati già in queste ore. I numeri sono stati resi noti dalla Prefettura di Lucca. Dei nuovi arrivati, dieci sono stati sistemati a Capannori, cinque a Porcari e sei a Lucca.

Nei giorni scorsi intanto il prefetto Giovanna Cagliostro, seguendo le direttive tracciate dalla Regione ha visitato alcune strutture sanitarie utilizzabili come alloggi per profughi in caso di emergenza.

Tra queste, l’edificio che ospita il dipartimento Asl di prevenzione a Carraia è apparso il migliore per questo tipo di utilizzo, anche perchè è occupato solo in piccola parte dalle strutture sanitarie.

Contro questa ipotesi però si è subito pubblicamente schierato il sindaco di Capannori Luca Menesini. Il sindaco si è detto contrario all’utilizzo di grandi strutture per l’accoglienza e chiede che in ogni caso gli arrivi vengano distribuiti su tutti i Comuni.

Per quanto riguarda Carraia, la Prefettura ha sottolineato che in questo momento il numero degli arrivi non è tale da far presagire l’utilizzo della struttura per l’accoglienza degli immigrati. E che comunque se e quando sarà utilizzata, ospiterà solo un piccolo numero di profughi. “Sono anch’io contraria ai grandi centri di accoglienza – ha detto la prefetto Giovanna Cagliostro – e lo dimostra la politica che abbiamo seguito fino ad ora e stiamo continuando a seguire”.

Commenti

1


  1. Nel nostro territorio ci sono molte associazioni onlus che operano nel settore della disabilità. Non sarebbe più giusto utilizzare queste strutture per creare spazi per riabilitazione, attività ricreative, laboratori, convegni gestiti dalle onlus?

Lascia un commento