Capannori, banda picchia e rapina gli automobilisti di notte ai distributori

CAPANNORI - Una banda che di notte picchia e rapina le persone che si fermano a fare rifornimento di carburante. Due gli episodi avvenuti nella Piana, nella notte tra sabato e domenica. Il primo è accaduto al distributore Beyfin su viale Europa a Lammari.

- 1

Un uomo di 62 anni si è fermato a fare rifornimento alla stazione. Da dietro l’edificio del distribuore sono sbucate due persone che minacciandolo con un coltello si sono fatti consegnare il bancomat. Dopo gli hanno chiesto il pin e al suo rifiuto lo hanno colpito ripetutamente con una spranga, fratturandogli anche un dito. Alla fine gli hanno rubato il portafogli con oltre mille euro e l’auto, un pick up Toyota, con la quale sono fuggiti.

L’uomo è poi riuscito a dare l’allarme. E’ stato ricoverato al San Luca con una prognosi di trenta giorni. Nel frattempo però la banda aveva colpito nuovamente a poca distanza, al Tamoil di San Colombano. Anche qui lo stesso copione. Hanno colpito con una spranga un giovane di 29 anni e anche in questo caso gli hanno rubato il bancomat. Il giovane ha riportato una prognosi di 15 giorni per trauma cranico. Ad indagare sui due gravi espisodi sono i carabinieri, che sperano di raccogliere elementi utli dalle telecamere di videosorveglianza. Le due persone aggredite avrebbero riferito che i due malviventi parlavano con accento toscano.

Commenti

1


  1. Sono situazioni preoccupanti e di difficile soluzione , anche perché con ciò che è accaduto in francia ,le forze dell’ ordine che avevano già il loro da fare , più gli organici che non saranno senz’ altro all’ altezza anche della vastità del nostro territorio ,,, quindi questi farabutti ora si sentono ancora più tranquilli , anche perché se li arrestano , gira che ti gira viene condannato il carabiniere perché è stato ” brusco nell’ arresto ” gli ha fatto la ” bua ” al poverino ,,, che non si fa neppure un giorno di carcere e il carabiniere o poliziotto si trova nei pasticci…. Quindi io sarei il primo firmatario di un disegno di legge che preveda che lo stato ti paghi i danni quando non è in grado di tutelarti,,,,, Poi quando queste brave persone vengono arrestati , ci sono tanti campi nel rogio a tassignano , una catena e una vanga,,,, e facciamoli lavorare almeno 15 giorni di sudore e sacrificio , e così avrebbero modo di capire e comprendere dove hanno sbagliato,,,

Lascia un commento