Il Presidente Grasso a Sant’Anna: “Giustizia parziale per le vittime”

STAZZEMA. "E' stata una giustizia parziale per le vittime dell'eccidio del 1944. Non è giustizia finchè la verità non è tutta accertata e finchè i responsabili non sono tutti colpiti e puniti". Così il Presidente del Senato Pietro Grasso sul processo sulla strage di Sant'Anna a margine del Premio intitolato a Franco Giustolisi.

-

 

E’ stato il presidente del Senato Pietro Grasso l’ospite d’onore della cerimonia di consegna del Premio giornalistico Franco Giustolisi a Sant’Anna di Stazzema. Ad accogliere la seconda carica dello Stato nella piazzetta del paese avvolta in una fitta nebbia c’erano tutte le massime autorità civili e militari locali. Dopo la deposizione di una corona di allora alla memoria delle vittime dell’eccidio, l’ex procuratore ha visitato la piccola chiesa insieme al sindaco Maurizio Verona e a Enrico Pieri, dell’associazione Martiri di Sant’Anna.
Nella sala del Museo della Resistenza la consegna dei premi assegnati da una selezionatissima giuria tecnica ai big del giornalismo d’inchiesta italiano. Gian Antonio Stella, Sergio Rizzo, Lirio Abbate e Francesca Mannocchi.
E’ la prima edizione del premio intitolato a Giustolisi, giornalista cittadino onorario di Stazzema scomparso un anno fa, al quale si deve la scoperta nel 1994 dell’Armadio della Vergogna, l’avvio del processo sull’eccidio, finito con le condanne a La Spezia e l’archiviazione in Germania. “Una giustizia – ha detto Grasso – solo parziale”.

Il Presidente del Senato Pietro Grasso, a margine della consegna del Premio Franco Giustolisi, parla del suo impegno contro il rischio prescrizione descritto dai familiari delle vittime della strage del 29 giugno 2009. “Ho incontrato i familiari delle vittime. Conosco il loro problema e mi sono impegnato – per quanto di mia competenza – a scrivere al Presidente del Tribunale di Lucca per sollecitare un più celere svolgimento del procedimento”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento