“Signore, proteggi il raccolto”: a Tiglio si rinnova il rito delle “Rogazioni”

BARGA - Chi ha più di 50anni ed ha passato la giovinezza in un paese rurale si ricorderà certamente il rito delle "Rogazioni".

-

Si tratta di una pratica pagana che fu ripresa e trasformata in rito cristiano da Papa Liberio nel IV secolo, con lo scopo preciso di chiedere al Signore la protezione dei campi e del raccolto ma soprattutto di allontanare qualsiasi catastrofe
Ancora oggi nella nostra provincia in alcuni luoghi viene vissuta come un tempo
Ad esempio, ogni anno a Tiglio Alto nel comune di Barga il parroco Don Giuseppe Cola celebra questi rito e ad ogni croce si ferma e invoca l’aiuto del Signore.

Una volta erano centinaia i fedeli che partecipavano al rito delle Rogazioni, che durante l’anno potevano essere fatte il 25 aprile e si chiamano allora Rogazioni Maggiori, e i tre giorni precedenti l’Ascensione (in quel caso si chiamano Rogazioni Minori).
E il 25 aprile come ogni anno a Tiglio Alto dopo la processione nei campi il parroco ha celebrato la santa messa e a seguire secondo tradizione si è consumato il pranzo comune: ognuno dei presenti ha portato qualcosa da condividere con gli altri, proprio come accadeva un tempo.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.