Migranti e associazioni al lavoro nelle oasi naturali

CAPANNORI - Vanghe, cesoie, cariole, falci e via… a curare e mantenere in manutenzione le oasi naturali del Bottaccio, del bosco del Tanali e del lago della Gherardesca. Una quindicina di giovani migranti, richiedenti asilo politico e ospitati in centri di accoglienza del capannorese, sono tornati nelle tre aree umide, poste a cavallo tra Capannori e Bientina.

-

Il progetto, voluto da Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord assieme ai Comuni di Capannori e Bientina e alle associazioni WWF Alta Toscana e Legambiente (circoli di Capannori e piana lucchese e Valdera) e partito qualche settimana fa, conta sul supporto periodico, volontario e gratuito dei migranti, a fianco dei volontari delle organizzazioni ambientaliste, per la manutenzione di queste zone dal pregiato valore naturalistico.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.