Processo Viareggio, le richieste dei pm; chiesti 16 anni per l’ex ad di Ferrovie Moretti

LUCCA - Al Processo per il disastro ferroviario di Viareggio è finalmente arrivato il giorno delle richieste di condanna. I reati contestati dall'accusa sono disastro ferroviario colposo, omicidio colposo plurimo, incendio colposo e lesioni colpose gravi e gravissime.

-

In sostanza le Ferrovie e le aziende private deputate ai controlli sono accusate, a vari livelli e per le proprie competenze, di aver sottovalutato o addirittura omesso le misure necessarie per evitare il disastro del 29 giugno 2009 che provocò 32 morti.

La pena più alta i pubblici ministeri Amodeo e Giannino l’hanno proposta per l’ex amministratore delegato di ferrovie Mauro Moretti e attuale ad di Finmeccanica: 16 anni di reclusione. Ma ci sono anche i 15 anni di reclusione chiesti per Mario Michele Elia, responsabile armamento e direzione tecnica Rfi. L’accusa ha inoltre chiesto 13 anni per Giulio Margarita, ex direttore Sistema gestione sicurezza di Rfi; 12 anni per Gilberto Galloni, ex Ad di FS Logistica; 10 anni per Johannes Mansbart, amministratore delegato della Gatx Rail Austria, titolare del carro con l’assile usurato.

Per altri funzionari delle ferrovie e tecnici italiani e stranieri sono state chieste condanne dai 4 ai 9 anni. Quattro invece le richieste di assoluzione.

I pm hanno infine chiesto una sanzione di 4 milioni per il gruppo Ferrovie e di un milione ciascuno per Gatx Rail e per Jugenthal, l’officina tedesca che si occupò della manutenzione dell’assile. Nessuna sanzione invece per l’officina Cima Riparazioni di Mantova.

Adesso la parola passa alle parti civili.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento