Toh, chi si rivede, dopo quattro mesi scocca l’ora di Di Masi

CALCIO LEGA PRO - Il ritorno dell'esperto portiere Giusepe Di Masi è la ghiotta novità della Lucchese che sabato (ore 18,30) sarà di scena al LungoBisenzio di Prato. Contro i lanieri mister Galderisi recupera Dermaku. In dubbio Cecchini e Fanucchi.

-

 

E’ primavera al Porta Elisa dove la Lucchese lavora di giovedì pomeriggio che in realtà è già l’antivigilia della partita di sabato (d’ora in poi si giocherà quasi sempre di sabato) al LungoBisenzio di Prato. Sfida che se uno guardasse la classifica potrebbe definire agevole ma sicuramente questo è un campionato dove nulla è scontato. Galderisi è consapevole che la vittoria sfumata con il Como all’ultimo tuffo non deve lasciare scorìe, soprattutto sul piano mentale. Il resto lo deve fare la capacità di reazione di una squadra che spesso ha dimostrato di avere le qualità e le risorse per reagire alle disavventure. Del resto, nonostante la mezza rivoluzione di gennaio, la Lucchese vista all’opera contro il Como ha giocato un buon calcio e avrebbe meritato la vittoria. Ma recriminare ormai serve a poco e allora tanto vale guardare avanti e ad una partita ribadiamo tutt’altro che semplice.

Capitolo-formazione che ormai pare piuttosto delineato. Detto che Di Masi in porta sostituirà l’infortunato Nobile, al centro della difesa tornerà Dermaku al posto del pur bravo Maini con Espeche e Capuano a completare il reparto. Linea mediana con Tavanti, Bruccini. Mingazzini e Merlonghi. Ma anche in attacco, viste le non perfette condizioni di Fanucchi, debilitato dall’influenza, probabile che si vada verso la conferma d De Feo e D’Auria alle spalle di Raffini.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento