Il 28 maggio Lucca ricorda Boccherini

LUCCA - Il 28 maggio 1805 a Madrid moriva Luigi Boccherini. Anche quest'anno la città di Lucca ricorderà il grande compositore con una giornata di eventi in programma domenica 28 maggio.

-

 

Per questa occasione il Centro Studi Luigi Boccherini collabora con l’associazione Napolone ed Elisa e l’Istituto Superiore di Studi Musicali Boccherini. Due gli eventi in programma: uno il pomeriggio, alle 17 nell’ex chiesa di San Francesco, l’altro alle 21 all’auditorium del Boccherini.

La giornata è stata intitolata “Luigi Boccherini dai Bonaparte a Mendelssohn per indicare due periodi storici della produzione musicale del maestro lucchese.

Entrambi gli eventi saranno a ingresso gratuito.

Il programma inizia alle 17 nella ex Chiesa di San Francesco (piazza San Francesco, Lucca): in apertura, il duetto “La bona notte” di Luigi Boccherini, eseguito da Dawon Ghang e Tomaso Bruno violini (a cura dell’Istituto Superiore di Studi musicali «Luigi Boccherini»); a seguire, l’esecuzione del Fandangoscritto da Boccherini durante il periodo in cui era a Madrid. Romina Pidone e Alessandro Ciardini, danzatori, daranno corpo alla musica eseguita dal Quintetto dell’orchestra Sinfonica Florentia con Kevin Mucaj al violino primo, Neri Nencini al violino secondo, Khulan Ganzorig alla viola, Stefano Aiolli al violoncello e Luca Scofano alla chitarra. Gli interventi introduttivi sono a cura di Gabriella Biagi Ravenni (Università di Pisa – Centro studi Luigi Boccherini) e Velia Gini Bartoli (associazione “Napoleone ed Elisa: da Parigi alla Toscana”). Gli abiti dei danzatori sono stati appositamente realizzati da Margarita Martinez, organizzatrice di eventi napoleonici a livello internazionale.

L’appuntamento serale di domenica è infatti con il concerto “Boccherini ‘parruccone’”, alle 21 all’auditorium dell’Istituto Superiore di Studi musicali «Luigi Boccherini» (piazza del Suffragio, Lucca), in collaborazione con l’Istituto e con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. In programmamusiche di Boccherini e Mendelssohn eseguite dai Solisti dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia: Matteo Bovo (violino), Francesco Marini (violoncello), Stefano Ruiz De Ballesteros (pianoforte). Intervento introduttivo a cura di Marco Mangani (Università di Ferrara – Centro studi Luigi Boccherini).

Lascia per primo un commento

Lascia un commento