Sicurezza sui binari a Viareggio: lettera a Fs del “Mondo che vorrei”

VIAREGGIO - Oggi l'associazione dei familiari delle vittime del 29 giugno ha fatto richiesta di invio alle Fs del documento sulla Valutazione del Rischio nella tratta del Comune di Viareggio, poiché la sentenza "ha sottolineato come nel trasporto di merci pericolose Ferrovie ometta totalmente un'attenta analisi del rischio."

-

I vertici delle Ferrovie italiane in carica 9 anni fa sono stati condannati a gennaio 2017 con pene severe dal Tribunale di Lucca per il disastro ferroviario avvenuto alla stazione di Viareggio il 29 giungo del 2009, in cui sono morte 32 persone e molte altre portano ancora i segni delle gravi ferite.

“Nonostante questo oggi sul tema sicurezza nei trasporti ferroviari continua il silenzio da parte delle istituzioni.”

Lo scrive l’associazione “Il Mondo che vorrei onlus” che ha inviato una lettera alle Ferrovie dello Stato, a Trenitalia e a Rete Ferroviaria Italiana sottolineando che “nonostante una sentenza e le relative motivazioni delle condanne tutto tace, mentre gli incidenti ferroviari non accennano a diminuire.”

“Solo nel 2017” – scrive l’associazione Il mondo che vorrei – “ci sono stati 30 incidenti ferroviari con feriti e in alcuni casi con conseguenze mortali. Questo stato delle cose e la scarsa attenzione dimostrata dai vertici ferroviari al tema della sicurezza ha fatto sì che l’associazione intraprendesse azioni dirette verso gli organi che per loro natura dovrebbero automaticamente preservare prima di tutto la vita umana. Sono stati sollecitati i Comuni della Versilia, la Provincia e la Regione, che sottoscrivendo il documento dell’associazione hanno preso impegno formale nella salvaguardia dei propri concittadini nell’attraversamento del proprio territorio di merci pericolose su rotaia. “

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.