Bullismo all’ITC Carrara, i bocciati scendono da cinque a tre

LUCCA - Un'altra giornata molto calda per la clamorosa vicenda di bullismo che si è consumata nei giorni scorsi all'ITC Carrara di Lucca ai danni di un professore dell'Istituto. Sono tre gli studenti che non verranno ammessi agli scrutini. Il consiglio di istituto ha riformato parzialmente la decisione di venerdì adottata dal consiglio di classe.

- 4

Nel primo pomeriggio intorno alle 16, la tanto attesa conclusione del Consiglio di Istituto che doveva confermare o meno i provvedimenti proposti: le cinque bocciature e i 15 giorni di sospensione a carico del sesto studente, decise venerdì dal consiglio di classe. All’uscita tutti ad attendere con taccuini e microfoni le parole a caldo del professor Cesare Lazzari, preside dell’ITC Carrara.

Nei prossimi giorni inizieranno anche gli interrogatori dei sei minori.

“Non si tratta di un premio”, ha detto il preside Cesare Lazzari. E ai due ragazzi ‘salvati’ in questo senso si chiede un impegno ancora maggiore da qui alla fine dell’anno. Per il sesto studente la decisione era già definitiva ieri, ovvero sospensione di 15 giorni e ammissione, anche nel suo caso, agli scrutini. In particolare è stata modificata l’imputazione di responsabilità per uno dei ragazzi coinvolti. Uno, che ieri era stato giudicato più blandamente, ovvero sospeso fino al 19 maggio senza ammissione agli scrutini, è stato sospeso fino a fine anno e sicuramente bocciato.

Commenti

4


  1. buongiorno, mi piacerebbe sapere per quale motivo, seppur in presenza di un grave ma isolato caso fatto apparire come bullismo , l’attenzione mediatica porta all’attenzione il carrara tralasciando il vero scandalo che è presente in quella scuola superiore? il vero scandalo sul quale nessuno ancora ha posto l’attenzione è la disastrosa gestione di risorse pubbliche effettuata dalla giunta provinciale emersa in conseguenza all’interruzione del cantiere di ristrutturazione dell’istituto. perche in questo caso la stampa non indaga a fondo su come si sono realmente svolte le cose? perche qualcuno non scoperchia il pentolone e punta ii riflettori sulle eventuali negligenze? c’è timore di ripercussioni da ambienti politici cittadini e provinciali? i giornalisti non possono fare finta di non sapere, o comunque continuare ad ignorare uno scempio che è da anni sotto gli occhi di tutta la citta. iniziate a fate delle vere inchieste e non fare sensazionalismo andando ad inseguire delle bravate fatte da piccoli bulletti di quartiere….


    • Il problema da lei sollevato è sicuramente importante ma altrettanto grave e importante è il problema di questa nuova generazione in cui aumentano sempre più i casi di bullismo. Non ci si può passare sopra ma usare la mano pesante per non far diventare “normale” questo odioso e incivile comportamento…fra poco questi ragazzi saranno grandi, avranno il diritto di voto……ma ci pensate?…


  2. Ma la scuola non poteva espellere questi alunni? La bocciatura non so fino a che punto possa essere considerata una punizione severa ed esemplare, al di la del procedimento penale che farà il suo corso. L’istituto non può dire No grazie, la vostra presenza non è più gradita in questa scuola?? Mahhh….a mio avviso con la sola bocciatura , dal punto di vista scolastico,se la sono cavata benissimo.


  3. una volta per fatti così non potevi più frequentare nessuna scuola pubblica in tutta Italia……….soluzione drastica ,severa ma esemplare…….cosi gli altri ci penserebbero prima di fare casino……..

Lascia un commento