Il Rugby Lucca chiude con una brutta sconfitta; addio sogni di gloria

RUGBY C - Si è conclusa la stagione del Rugby Lucca. La squadra di mister Giovannico, che era obbligata a vincere per mantenere vive le speranze promozione, ha invece subito un pesante ko interno contro il Firenze Rugby 1931 che ha espugnato il Romei con un perentorio 58-12.

-

 

Capitan Mei e compagni sono entrati in campo deconcentrati e poco motivati al cospetto invece di un avversario venuto a Lucca per chiudere in bellezza la stagione e rimpolpato con molti elementi under 18 desiderosi di mettersi in mostra. La sfida è stata quasi un monologo da parte della formazione gigliata che ha punito pesantemente ogni singolo errore commesso dai locali. Lucca ha provato a reagire in più di un’occasione ma è sembrata troppo morbida in difesa e con la testa già alle vacanze. A poco sono servite le due marcature lucchesi, che portano la firma di Serafini e Gonella, se non a rendere il passivo finale un po’ meno pesante. Un finale di stagione davvero amaro per capitan Mei e compagni dopo un inizio che aveva invece fatto sperare in tutt’altra conclusione. La formazione rossonera è arrivata agli appuntamenti decisivi a corto di fiato e con una formazione che, soprattutto nel reparto degli avanti, ha molto risentito delle assenze, tra infortuni e squalifiche, di diversi titolari. La delusione è tanta tra le fila della società del presidente Lombardi, soprattutto perché la squadra fino a marzo, prima del tracollo finale, aveva vinto tutte le partite, guidando con pieno merito la classifica. Basti pensare che quella di domenica scorsa è stata la prima sconfitta casalinga in tutta la stagione. Non è bastata nemmeno una striscia positiva di 13 vittorie consecutive per centrare la promozione: in C1 ci andranno i pratesi Gispi Tigers e proprio il Firenze 1931 che era già matematicamente primo. Adesso per Lucca un periodo di riposo prima di iniziare a pensare alla prossima stagione dove, nemmeno a dirlo, i rossoneri tenteranno un nuovo assalto alla promozione, cercando di migliorare le lacune evidenziate nel corso di quest’anno.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.