Due rapinatori di Rolex arrestati dalla polizia sotto le mura

LUCCA - Sabato mattina, alle 9.00 circa, le volanti hanno tratto in arresto una coppia di cittadini rumeni sui 30 anni per rapina in concorso. La donna, Busuioc Vagnita, in particolare ha avvicinato un anziano di 85 anni residente a Capannori che passeggiava sulla strada adiacente alla circonvallazione delle mura, lo ha preso a braccetto fingendo un malore a causa della gravidanza e, dopo aver percorso un centinaio di metri con lui, gli ha sfilato improvvisamente un Rolex dal braccio, causando all’uomo abrasioni e lievi lesioni per poi darsi alla fuga.

- 1

La donna, quindi, si è diretta verso l’automobile del complice, BUSUIOC Catalin, che la stava aspettando al centro della carreggiata stradale con il motore acceso per allontanarsi subito dalla zona. Proprio in quel momento passava di lì una volante, impegnata in servizi di prevenzione dei reati contro il patrimonio intensificati n questa giornata festiva, che ha notato questa donna correre ed entrare in macchina dallo sportello posteriore per poi sdraiarsi sul sedile. Insospettiti, gli agenti hanno subito fermato la macchina e dopo pochi istanti è sopraggiunto l’uomo vittima della rapina che, in preda alla disperazione, aveva seguito la donna e ha riferito quanto accaduto agli agenti, i quali a quel punto hanno accompagnato la coppia in Questura per far perquisire la donna da personale femminile. In seguito alla perquisizione, è stato rinvenuto il Rolex all’interno della vagina della donna. L’uomo, pur con il sollievo del recupero di quanto gli era stato derubato, ha dovuto ricorrere a cure mediche presso l’ospedale civile, riportando 7 giorni di prognosi. I due malfattori sono stati quindi arrestati per rapina in concorso e accompagnati in carcere.

Commenti

1

  1. Floriano Baker


    Rimpatriare tutti I non cittadini italiani, fuori dall’Italia per se,mpre, Litalia e per gli italiani. Basta con quei deliqunenti stranieri clandestine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.