Contratto Snaitech: CGIL diffida, la UIL invita al dialogo

PORCARI - Botta e risposta tra i sindacati CGIL e UIL sulla vicenda del cambio di contratto ai lavoratori della Snaitech. La CGIL ha formalizzato una diffida verso l'azienda, mentre la UIL invita al dialogo.

-

 

“Contestiamo la decisione unilaterale aziendale di disapplicare il Ccnl metalmeccanici ai dipendenti a cui è sempre stato applicato. Il Ministero dello Sviluppo Economico verrà interessato sulla vicenda, in particolare modo riguardo al rinnovo delle concessioni pubbliche che debbono ritornare ad essere rilasciate nell’interesse della collettività e nel rispetto dei diritti dei lavoratori” ad affermarlo è Stefano Braccini, coordinatore nazionale Fiom Cgil Gruppo Snaitech che interviene così sulla decisione dell’azienda Snaitech di non applicare più il contratto nazionale dell’industria metalmeccanica per passare a quello del terziario. Sulla vicenda sono intervenuti anche i rappresentanti della Uiltucs e della Uilm che però invitano al dialogo, affermando che lanciare strali contro l’azienda, adesso, sarebbe controproducente. Riteniamo pericoloso – affermano Sgrò, Bindocci e Saisi-  solo perché l’azienda ha detto di voler cambiare contratto, alzarsi dal tavolo e rischiare di far perdere 2.800 euro di premio di risultato più tutti gli altri istituiti a tutti i lavoratori. Su questi temi presto faremo delle assemblee – concludono – perché come sindacato si deve pensare prima di tutto al bene dei lavoratori”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.