Via di Tiglio a senso unico, traffico caos e proteste

LUCCA - Da martedì via di Tiglio a San Filippo è a senso unico, in direzione Capannori, nel tratto tra via Orzali e via della Chiesa. La sperimentazione proseguirà fino al 15 settembre. Scoppiano le proteste di residenti e commercianti.

- 1

 

E’ partita la sperimentazione del senso unico verso Capannori di via di Tiglio. Intorno alle 10.30 i tecnici comunali hanno sistemato la nuova segnaletica e due pattuglie della polizia municipale ha presidiato il tratto di strada che va dal passaggio a livello fino alla rotonda nei pressi della chiesa di S.Filippo. Il comune probabilmente ha deciso di avviare adesso questa sperimentazione approfittando del fatto che la strada è già a senso unico per più di metà a causa dei lavori della Geal ma questa decisione ha mandato su tutte le furie residenti e commercianti, toccando nervi scoperti da tempo.

La situazione più paradossale è quella di via Sandei, alla quale adesso non si può più accedere né da via di Tiglio e né dalla via Romana, ma soltanto attraverso una gimkana all’interno del quartiere.

Come detto, le modifiche della viabilità avranno un periodo di sperimentazione fino al 15 settembre poi, se gli uffici comunali le riterranno adeguate, la soluzione verrà adottata in via definitiva.

Commenti

1

  1. Giorgio Deliyannis


    Il Signor Marchini e la giunta tutta dovrebbero avere il coraggio politico di rendere pubblici i tre atti che ho protocollato per questa cervellotica e soprattutto dittatoriale imposizione al cittadino. Non si va in avanscoperta soli da alcuni commercianti a chiedere un’opinione su qualcosa deciso a priori, peraltro accolto sfavorevolmente. Le reazioni documentate da TGNoi le avevo anticipare a Marchini. Deve avere il coraggio politico di pubblicare su tutti i media, cartacei e non, gli atti protocollati annunciandolo alla cittadinanza. È l’ora di venire allo scoperto e dimostrare come agisce questa giunta. Meno male che il sindaco dopo essere stato eletto aveva comunicato che avrebbe intensificato la sua presenza con preposti a presidiare il territorio. Deve rendere conto alla cittadinanza di questo ammanco e una testimonianza è qirsto nuovo e grave atto di mancato rispetto degli abitanti di San Filippo e dell’Arancio. Pubblicate gli atti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.