Inquinamento, ordinanze restrittive sulla piana

PIANA DI LUCCA - Negli ultimi 5 giorni sono stati regsitrati sforamenti dei valori consentiti per le polveri sottili: Capannori, Porcari e Altopascio firmano ordinanza che vieta fino al 7 dicembre accensione dei caminetti e utilizzo mezzi inquinanti.

-

Visti gli sforamenti dei valori consentiti di polveri sottili registrati negli ultimi cinque giorni e il perdurare delle condizioni meteo critiche, senza vento capace di disperdere le Pm10, i Comuni di Capannori, Altopascio e Porcari, a tutela della salute dei cittadini, hanno emesso un’ordinanza relativa alla circolazione dei veicoli e al riscaldamento domestico valida da domani (martedì 4 dicembre) a venerdì 7 dicembre compreso.

Per i quattro giorni, 24 ore su 24, non si potranno accendere gli impianti domestici di riscaldamento alimentati a legna, come i caminetti. Il divieto non riguarda le stufe a pellet, gli impianti ad alto rendimento termico e quelli che rappresentano l’unica fonte di riscaldamento dell’abitazione. Il divieto non si applica nemmeno se la casa è posta a una quota di altitudine di oltre 200 metri.

Inoltre, sempre dal 4 al 7 dicembre compreso, dalle 7.30 alle 19.30 nei tre territori comunali non potranno circolare autovetture diesel euro 0, euro 1 ed euro 2 e veicoli merci euro 0, euro 1 ed euro 2.

Il provvedimento, obbligatorio, è previsto dal Pac (Piano di Azione Comunale) sottoscritto dalle amministrazioni comunali della Piana di Lucca (Altopascio, Capannori, Lucca, Montecarlo e Porcari). Inoltre rientra nelle misure inserite nel PRQA (Piano regionale per la qualità dell’aria) approvato dalla Regione Toscana che impone ai Comuni azioni contingibili e urgenti finalizzate alla riduzione delle emissioni di polveri sottili.

Per ulteriori informazioni e categorie di mezzi esonerati dall’ordinanza consultare i siti web dei tre Comuni.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.