Soldi dal canone dei balneari per l’emergenza lavarone

FIRENZE – Destinare una parte dell'aliquota regionale pagata dai balneari per sostenere i costi dell'emergenza lavarone. E' questo l'obiettivo della mozione appena approvata in Commissione Ambiente in Regione Toscana.

-

Una proposta della Consiglera leghista versiliese Elisa Montemagni accolta da tutti i partiti.

Un fenomeno – quello del lavarone – drammaticamente noto in Versilia, che ogni anno deve affrontare tonnellate di rifiuti spiaggiati sull’arenile, anche in piena stagione balneare. Alghe e legnetti che, depositati sul fondale marino, il movimento del mare fa riemergere portandoli sino in riva.

La commissione Ambiente ha trovato intenti comuni per cercare di risolvere il problema nel più breve tempo possibile.

Grazie ad un emendamento presentato dal presidente di Commissione Stefano Baccelli, la mozione impegna infatti la Giunta a valutare la possibilità di destinare, tramite una convenzione con le amministrazioni comunali interessate dal fenomeno, una parte del 25 per cento dellaliquota del canone statale di concessione ai balneari.

Il lavarone, si ricorda nel testo, rappresenta un disastro anche finanziario per i balneari, e anche per i Comuni, che si trovano ad affrontare emergenze nel pieno della stagione e oneri elevatissimi per lo smaltimento di un rifiuto considerato speciale.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.