A Cuneo con una valigia piena zeppa di problemi; rischio neve sulla partita

CALCIO C - Lucchese di scena domenica a Cuneo in una gara dai mille risvolti e sulla quale incombe anche il pericolo-neve. Martinelli, De Feo e Di Nardo in dubbio. Favarin avrà però il neo acquisto, il difensore Ferrettì. Tra l'altro si affrontano due società in gravi difficoltà economiche e con la spada di Damocle di una ulteriore pesante penalizzazione.

-

Tra un deferimento e una fideiussione non cambiata; tra una pesante penalizzazione (-8) in arrivo e una maxi multa da 350mila euro; e se vogliamo completare il quadro non proprio idiallico la stangata a Favarin out fino al 30 giugno, cari signore e signori ci sarebbe (fino a prova contraria) anche il campionato. Che, ahimè, spesso negli ultimi finiti è finito quasi nel dimenticatoio. Per l’opinione pubblica, non di sicuro per la Lucchese, intesa come squadra e staff tecnico, che a più riprese ha ampiamente dimostrato carattere, forza e attaccamento ai colori sociali. Lo dimostra il 2 a 2 contro l’Alessandria di domenica scorsa nel quadro di un match che dopo il primo tempo pareva ormai compromesso.

Da una piemontese all’altra nel senso che i rossoneri sono attesi domenica (ore 14,30) dalla difficile trasferta di Cuneo. Al Fratelli Paschiero mister Favarin che non potrà guidare la squadra dalla panchina per la ben nota e lunga squalifica (al suo posto il suo fidato e storico vice Giovanni Langella) è alle prese con gli acciacchi di Martinelli, De Feo e Di Nardo. Vero che manca ancora la rifinitura prima della partenza per la Provincia Granda, ma è abbastanza evidente che qualora Martinelli non dovesse farcela potrebbe debuttare Johad Ferrettì, 24enne difensore arrivato dal Teramo dove invece è finito Madrigali. In attacco dovrebbero partire Bortolussi e Sorrentino con il giovane Isufaj che scalpita per una maglia da titolare. Annotazione meteorologica. Mentre da noi pioverà tantissimo non va escluso che dalle parti di Cuneo cada copiosa la neve. Ecco perchè sul match incombe anche il pericolo di un rinvio.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.