Forte ondata di maltempo: la notte più lunga a Lucca e nella Piana

PIANA DI LUCCA - Ore davvero frenetiche e non a caso le previsioni lo avevano detto: allerta meteo di tipo arancione per una forte perturbazione che ha portato tanta, tantissima pioggia e vento che hanno fatto gonfiare fiumi e torrenti. Anche nel capoluogo e nella Piana la nottata è trascorsa nervosa e quasi in bianco soprattutto per coloro che dovevano vigilare sull'ondata di piena del Serchio.

- 1

Quasi come un osservato speciale il fiume che storicamente ha dato tanti problemi ai lucchesi ma consapevoli che bisognava solo attendere che passasse l’ondata di piena, prevista intorno alle 6 del mattino. Le prime ore del mattino sono state quasi di sollievo per gran parte della popolazione lucchese che ha tirato un grosso sospiro di sollievo. Casomai vogliamo sottolineare e stigmatizzare il comportamento dei tanti curiosi a Ponte San Pietro ma anche da altre parti che si sono portati talvolta troppo vicini alle rive del fiume anche con le macchine per fare foto o filmati. Prudenza e attenzione sarebbero consigliabili n questi casi.

Alle 9 del mattino all’altezza di Ponte San Pietro il Serchio era ancora gonfio e minaccioso mentre il cielo sopra Lucca e la Piana cominciava ad aprirsi e a concedere una tregua fondamentale. Ha retto bene anche il reticolo idraulico minore. A Santa Maria a Colle la Contesora è uscita nella golena del fiume allagando il campo sportivo dove gioca l’Oltreserchio. Buono l’impatto con la forte ondata di maltempo anche delle cateratte di Nozzano con la cassa di espansione che ha svolto al meglio la propria funzione. Spostandoci a Boveglio, nel comune di Villa Basilica una frana ha investito la carreggiata sulla SP 55 impedendo l’accesso al paese per chi saliva da Collodi. L’arteria è stata riaperta dopo qualche ora. Infine qualche annotazione e curiosità statistica. A Fornovolasco in 36 ore sono caduti 295 mm di pioggia mentre il livello massimo del Serchio raggiunto la notte scorsa si pone al terzo posto tra le piene registrate dal 2000 in poi con due metri e 69 centimetri e una portata di acqua di 1322,3 metri cubi al secondo.

(foto di Luca Valdambrini)

 

Commenti

1


  1. Bisogna decidersi o nel Serchio ci sta l’acqua, oppure le piane, i sassi e la terra. È ora di pulirlo come pure i torrenti minori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.