ArcAnthea a Torino, Le Mura in casa

BASKET - Dopo la bella vittoria su Matera impegno severo per i biancorossi di scena sul parquet della capolista. All'andata Lucca s'impose 83-81. Piu' agevole il compito del Gesam Gas (A1 femminile) che riceve il Cus Chieti.

-

2_2_13__arcanthea.jpg

Sulla scia della bellissima vittoria ottenuta sul forte Matera nel turno infrasettimanale. Dopo la seconda della classe i biancorossi di coach Russo fanno un ulteriore salto di qualita’ salendo a Torino dove domenica (ore 18) affronteranno la capolista. Gara con un coefficiente di difficolta’ altissimo, il massimo che puo’ presentare la realta’ del campionato di Dna in questa stagione. Ma la squadra pimpante e precisa come non mai al tiro ammirata mercoledi’ sera al Palatagliate fa sperare di essere all’altezza della situazione. Da li’ a dire poi che sara’ in grado di tornare con una vittoria dalla tana della capolista ovviamente ce ne passa. Sul piano individuale Russo deve gestire la condizione fisica di Casagrande, Banti e Santarossa. Al PalaRuffini si profila un match vieppiu’ complicato da quanto accadde nella gara di andata vinta peraltro dall’ArcAnthea 83 a 81. Oltre al sano agonismo di un match tiratissimo, ci furono alcuni momenti di tensione sulle gradinate provocati in particolare dai tifosi torinesi. La speranza e l’auspicio e’ che domenica sera si parli solo di basket. Torna in campo il Gesam Gas Le Mura nella A1 femminile. Dopo il turno di riposo le biancorosse ospiteranno al Palatagliate il Cus Chieti, interlocutore giovane e talentuoso e dunque da prendere con le molle. Anche in questa stagione la squadra di coach Diamanti si sta confermando una delle piu’ belle realta’ del torneo. Laura Spreafico pare aver superato il problema fisico che l’ha attanagliata in questi giorni. Inoltre si punta sulla crescita e il sempre migliore inserimento di Kathryn Ress. Per Le Mura si apre una fase importante della stagione che culminera’ il 9 e 10 marzo con la final four di Coppa Italia da giocare in casa.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento