Ponsacco da battere, ma il Ghiviborgo ci crede

CALCIO ECCELLENZA - Commento alla prima giornata del campionato che ha visto lo squadrone pisano passare a Lammari. I biancorossoazzurri pareggiano a Monsummano. Bene anche Castelnuovo e Pietramarina. Cade la Fortis.

-

Ciak si gira anche nel campionato di Eccellenza, torneo che da anni suscita l’interesse e la passione di molti sportivi. E non a caso la prima giornata ha regalato tante reti e parecchie emozioni. Un film lungo 30 giornate che pare avere un finale già scritto. Ci riferiamo in particolare al fortissimo Ponsacco autentica corazzata del campionato come ha confermato nella vittoriosa gara di Lammari. Nulla hanno potuto i gialloblu capannoresi di Mario Meschi se non opporre una buona e dignitosa resistenza. Ma la compagine pisana, che cerca di tornare ai fasti del tempo che fu, ha elementi di spessore e di categoria superiore. La firma sulle due reti, una per tempo che hanno deciso il match del Laghetti, è infatti della premiata ditta Brega-Granito. Il tutto nel contesto di una giornata che per quanto riguarda le altre compagini della nostra provincia fa registrate la bella vittoria del Castelnuovo 3 a 2 sull’ostico Castelfiorentino timbrata dalla classe degli immarcescibili Pennucci e Biggi. Bene anche il Ghivizzano-B.Mozzano che impatta a Monsummano dopo essere andato in vantaggio con Paci e che si propone come una delle più serie alternative al Ponsacco di cui sopra. E non fallisce la prima neppure il PietrasantaMarina del presidente Ciaponi che sempre per 3 a 2, punteggio ricorrente ce ne sono stati ben quattro, liquida l’Urbino Taccola. Un 2 a 3 invece nel caso della Fortis Lucchese che lotta ma che alla fine cede all’Idilio Cei di Larciano. E domenica prossima, ancora alle 15,30, la seconda giornata che scremerà ulteriormente il plotone. Da seguire con interesse il derby del Carraia tra GhiviBorgo e Castelnuovo. Trasferte per Lammari sul campo dell’Urbino Taccola e Pietramarina a Pescia, mentre la Fortis cercherà i primi punti stagionali a Saltocchio contro il Cenaia.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento