Scoperto il bunker di Giuseppe Lombardo

ALTOPASCIO - I carabinieri hanno scoperto un bunker ricavato da Giuseppe Lombardo nella sua villa di Spianate, sequestrata il 9 ottobre in occasione dell'arresto di Lombardo e di altre 12 persone.

-

I carabinieri, durante l’ispezione della casa, in uno dei bagni dell’abitazione hanno scoperto il passaggio segreto che porta al locale. Un’apertura opportunamente mimetizzata, un tutt’uno col rivestimento in ceramica, posta sul retro di un termosifone, le cui staffe di sostegno consentono di azionarne l’apertura. L’ingresso al rifugio era evidentemente impossibile per gli estranei, situato nel piano seminterrato dall’abitazione e ricavato nel cemento armato delle fondamenta dell’immobile. Un covo di circa 4 metri quadri e alto 3 metri, probabile rifugio per latitanti o deposito per droga o armi. Munito di prese d’aria e di corrente elettrica, nel suo interno i carabinieri del Nucleo Investigativo di Lucca hanno trovato alcune bottiglie d’acqua, una stufa elettrica, una sedia, tutto pronto per essere utilizzato. Con l’ausilio della Sezione Investigazioni Scientifiche di Firenze il materiale è stato sequestrato e sono stati compiuti i rilevi utili per approfondire gli accertamenti del RIS di Roma e così ricostruire chi o cosa ha ospitato il bunker. Lombardo è ritenuto affiliato alla cosca “Facchineri” della ‘ndrangheta calabrese operante anche in Lombardia. E’ stato l’impiego di specifiche apparecchiature in dotazione ai reparti speciali dell’Arma che ha consentito di individuare il bunker, di cui anche i più stretti familiari conviventi di Lombardo Giuseppe avevano taciuto l’esistenza, negandone sino all’ultimo di esserne a conoscenza. Le indagini scientifiche sul materiale repertato consentiranno ora di supportare il quadro accusatorio della Direzione Distrettuale Antimafia nei confronti del Lombardo.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento