Chiusa manifattura cinese

MONTECARLO - 8 lavoratori a nero scoperti dai carabinieri in una manifattura tessile gestita da cittadini cinesi. 35.000 euro di sanzioni elevate alla titolare.

-

manifattura_cinese.jpg

I carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro hanno interrotto l’attività di una manifattura tessile gestita da cittadini cinesi, nel comune di Montecarlo per sfruttamento di manodopera a nero e inosservanze delle leggi riguardo la sicurezza sui luoghi di lavoro. All’interno del laboratorio sono stati infatti trovati 8 lavoratori su 14 sprovvisti di regolare contratto e le condizioni igieniche e di sicurezza dell’ambiente hanno indotto gli uomini dell’arma a richiedere l’intervento di ASL e vigili del fuoco per un eventuale chiusura definitiva dell’opificio. Alla titolare, una cinquantenne di origine cinese, sono state elevate sanzioni per un totale di 35.000 euro.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento