Andrea Lanfri dice addio all’atletica; ora il pensiero va al monte Everest

ATLETICA - Andrea Lanfri è costretto a dire addio alle gare di atletica leggera. Dopo due anni di record, medaglie e successi anche a livello mondiale, il noto campione paralimpico lucchese si arrende di fronte al nuovo cervellotico regolamento che rivede la lunghezza delle protesi con cui avrebbe dovuto correre e che gli impedisce di gareggiare a livello internazionale.

-

Profonda amarezza nelle parole di Lanfri ” Avevo iniziato a correre dopo la meningite. Ora una formula matematica mi taglia le gambe una seconda volta”. Andrea cullava il sogno delle paralimpiadi di Tokyo 2020. Sogno svanito. Ora cercherà si salire sull’Everest. Qualora dovesse riuscirvi sarebbe il primo uomo amputato ad arti inferiori e superiori a salire agli 8848 metri del tetto del mondo.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.