Caso Antonini, sentiti i testimoni

LUCCA - Nuova udienza del processo per il caso di Riccardo Antonini, licenzato da Ferrovie nell'ambito della vicenda del disastro ferroviario di Viareggio. Sentenza il 4 giugno.

-

26_10_tribunale3.jpg

E’ prevista il 4 giugno la sentenza del Tribunale di Lucca sul caso di Riccardo Antonini, il ferroviere consulente per le famiglie delle vittime del disastro ferroviario di Viareggio, licenzato dal gruppo Fs. E’ emerso al termine dell’udienza celebrata al Tribunale di Lucca, all’esterno del quale, ancora una volta, si è svolto un presidio in favore di Antonini, promosso dall’associazione familiari vittime e dall’assemblea 29 giugno. Nel corso dell’udienza sono stati ascoltati gli otto testimoni ammessi dal giudice, quattro a sostegno di Antonini, tra cui anche l’ex assessore provinciale ed ex ferroviere Emiliano Favilla, e quattro convocati dalle Ferrovie dello Stato.
Antonini avrebbe presentato una bozza di transazione, che però sarebbe stata rifiutata dai legali delle Ferrovie. Lo scorso gennaio era stato invece il ferroviere a rifiutare una proposta avanzata dal gruppo guidato da Mauro Moretti.
Vista l’impossibilità di arrivare ad una conciliazione, il giudice ha quindi decretato la fine dell’istruttoria ed ha fissato al 22 maggio il termine ultimo per la presentazione di eventuali memorie.
Antonini era stato licenziato per alcune frasi rivolte all’indirizzo di Moretti nel corso di una manifestazione a Genova due anni. L’associazione dei familiari ha confermato il suo pieno appoggio al ferroviere.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento