Appennino in Garfagnana, arriva il no della Regione

FIRENZE - La commissione affari istituzionali della Regione ha espresso parere negativo alla fusione dei tre comuni di San Romano Garfagnana, Pieve Fosciana e Fosciandora nel comune di Appennino in Garfagnana.

-

Cala il sipario sulla fusione dei comuni di San Romano Garfagnana, Pieve Fosciana e Fosciandora. La commissione affari istituzionali della Regione ha dato all’unanimità parere negativo alla fusione, dopo l’esito del referendum dello scorso ottobre. Il motivo era già stato anticipato dal comitato contro la fusione, all’indomani della consultazione elettorale. Il sì al referendum aveva vinto con il 52% dei voti ma in un Comune, quello di Fosciandora, aveva prevalso il no. In casi come questo, una risoluzione regionale approvata nel 2016 prevede che il via libera alla fusione possa esserci solo se i favorevoli sono stati oltre i due terzi dei votanti. Una percentuale, quella del 66,6%, che non è stata raggiunta. Quindi il comune di Appennino in Garfagnana non nascerà. E lo conferma anche il presidente della commissione regionale Giacomo Bugliani del Partito democratico “Il voto definitivo lo esprimerà il consiglio regionale – ha detto – ma dopo tutti i gruppi in commissione si sono espressi per il no è difficile che l’aula ribalti questa decisione”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.